giovedì 15 marzo 2018

REVIEW PARTY "La moglie innocente" di Amy Lloyd {NEWTON COMPTON EDITORI}

Buongiorno amici dei libri, e bentornati!
Oggi, per cominciare al meglio la nostra giornata vi propongo la recensione, in occasione del Review Party, di un nuovo thriller targato Newton Compton Editori ed in uscita oggi...


 

Titolo: La moglie innocente
Titolo originale: The innocent wife
Autore: Amy Lloyd
Editore: Newton Compton
Genere: Thriller
Pagine: 336
Prezzo: 10,00€
Data di uscita: 15 Marzo 2018

Ti fidi di lui. Allora perché ti fa così paura?

Vent’anni fa, Dennis Danson fu arrestato e condannato per l’omicidio di una ragazza nella Contea di Red River, in Florida.
Ora, dopo tanto tempo, sul web si sta diffondendo a macchia d’olio un documentario che rimette in discussione le indagini. Il popolo della rete invoca la liberazione dell’uomo, accusato ingiustamente. 
A chilometri e chilometri di distanza, in Inghilterra, Samantha è ossessionata dalla storia di Dennis. Gli scrive delle lettere e si lascia sedurre dal suo fascino e dalla sua gentilezza. Tanto da decidere di abbandonare la sua vecchia vita per sposarlo e lottare ufficialmente per il suo rilascio. Eppure, quando la campagna ha successo e Dennis viene liberato, Samantha inizia a notare piccoli dettagli che le fanno temere di non aver mai compreso veramente l’uomo che ha sposato.
Davvero può essere sicura che sia innocente?


Dennis Danson è un omicida condannato nel braccio della morte, accusato del brutale assassinio di una giovane ragazza nella sua Contea natale, quella di Red River in Florida.
Dopo vent'anni di carcere, il suo caso è diventato oggetto di un documentario, facendolo conoscere al mondo, ed in molti si chiedono se l'uomo sia stato ingiustamente incarcerato ed online, e non solo, gruppi di persone iniziano a mobilitarsi perchè l'uomo venga rilasciato.
A migliaia di chilometri di distanza, nel Regno Unito, Samantha una giovane insegnante è fermamente convinta dell'innocenza di Dennis: infatuata di lui e certa delle sue convinzioni rimarca la sua idea online sui vari forum, diventando sempre più attiva nella lotta per far liberare l'uomo.
La sua posizione si fa ancora più marcata quando inizia a scrivergli lettere che attirano l'attenzione di Dennis, che a sua volta le risponde, affascinandola ancora di più, e la donna si convince ben presto che la cosa migliore per loro è che lei si rechi da lui.
La decisione è presa e la donna si reca ad Altoona, città in cui si trova il carcere di Danson, e va da lui: resta da subito conquistata dall'uomo che si dimostra affascinante e la intriga a tal punto che Sam si lascia la sua vecchia vita alle spalle per crearne una nuova con lui, lo sposa e si unisce in maniera ancora più attiva alla campagna per la sua liberazione.
Finalmente la campagna per la liberazione porta ad una svolta, ed in concomitanza con dei progressi nelle indagini, Dennis viene rilasciato e finalmente lui e Sam possono vivere una vera vita di coppia.
Il primo periodo è frenetico, tutti vogliono intervistare Dennis, vogliono avere a che fare con lui, e Sam lo sostiene nel migliore dei modi, ma non appena cala il sipario sulla tragica vicenda il rapporto tra i due diventa oscuro: Dennis dimostra di essere diverso da quello che sembrava, è contraddittorio, soffre di repentini cambi di umore e talvolta è impenetrabile e tenebroso, e viste queste sfaccettature del suo carattere in Sam si instillano dubbi che la fanno dubitare di suo marito e della sua innocenza.
I dubbi di Sam si addensano quando, per una terribile occasione, i coniugi tornano nella vecchia cittadina di Dennis, dove tutto è cominciato e le attenzioni ed il rapporto di una vecchia amica d'infanzia fanno deragliare i buoni propositi di Sam a proposito del suo matrimonio.
Sam immaginava una vita fantastica con al fianco il suo Dennis, ma la realtà è molto diversa. Sam ha sbagliato? Lei ama Dennis, ed è sicura che lui sia innocente... o, almeno, è quello che si ripete ogni giorno.
La loro relazione potrà resistere anche senza una parete di plexiglas a dividerli?


'La moglie innocente' è una storia avvincente, compulsiva e contorta; è un thriller oscuro, con scene capaci di far battere forte il cuore. 
I personaggi sono tutti interessanti e descritti egregiamente, Amy Lloyd li costruisce e li dota di una profondità psicologica che dona loro spessore.
Sam è una giovane insegnante inglese in subbuglio dopo che è stata respinta dal suo fidanzato storico, è in sovrappeso e questo non la aiuta a convivere con la sua già bassa autostima.
L'autrice ha, volutamente ed in maniera perfetta, reso Sam un personaggio non amabile, non particolarmente simpatica, ansiosa, paranoica ed indecisa; Sam è un po' insipida, soffre di gelosia estrema, è spesso accecata dalla sua natura ossessiva che le rende impossibile ragionare con lucidità ed affrontare la vita di petto e con raziocinio. Sa essere piuttosto fastidiosa: è isterica e piagnucolosa. 
La volontà dell'autrice di rendere questo personaggio così poco comprensibile fa sì che il personaggio non venga esplorato come meriterebbe e quindi il fatto che venga manipolata in maniera subdola passa in secondo piano, ma è sicuramente un argomento su cui si potrebbe parlare per molto tempo: la presa rapace che un soggetto più forte può infliggere al soggetto debole, e con la quale può plasmarlo a suo piacimento, giostrarlo come un burattino senza che nessuno se ne renda conto.
Se Sam è stata resa, ripeto, volutamente scialba ed insipida, al contrario Dennis è intrigante, parla con voce suadente ed è affascinante. E' il ritratto del perfetto psicopatico: incantevole ed agghiacciante allo stesso tempo; ci sono momenti in cui però Dennis si rende inaccessibile ed antagonista e provoca in Sam, ed in noi, enormi dubbi sulla sua persona e sulla sua innocenza.

La scrittura è fluida, scorre bene ed è facile da seguire e l'idea dell'autrice è intelligente, ben pensata e strutturata. Gli indizi sono ben calibrati e disseminato lungo tutta la linea temporale, sia prima sia dopo la liberazione di Dennis.
E' interessante come Amy Lloyd punti i riflettori su argomenti sempre più attuali e macabri come l'attenzione morbosa e la rilevanza che la stampa e l'informazione danno a fatti di cronaca estremamente truci e violenti, e a come le persone siano capaci di farsi influenzare da queste informazioni diventandone dipendenti e sottomessi. La gente è sempre più attratta dal macabro, da tutto ciò che si rivela scabroso ed inquietante.

'La moglie innocente' ha tutto: emozioni, suspense, mistero e momenti in cui la trama cambia in maniera così repentina da farci girare la testa. Il finale è in sintonia con il resto della storia ed è totalmente inaspettato, anche se mi ha lasciata come in sospeso, poichè dopo una seconda parte di trama leggermente lenta, per il gran finale l'autrice aveva ingranato alla grande con un ritmo incalzante e, concludendo in maniera rapida, ha spezzato il ritmo con cui mi ero adattata alla storia; la storia è capace di incollarsi addosso al suo lettore e coinvolgerlo in maniera continua, costante e totale. Veloce, coinvolgente, inquietante.

Il thriller, concludendo, si può adattare ad ogni tipo di lettore perchè è presente di tutto, la strana storia d'amore può affascinare gli eterni romantici, la scia di morte lasciata da un terribile assassino può coinvolgere coloro che adorano la suspense, i continui colpi di scena potranno interessare agli amanti dell'adrenalina.
Interessante, coinvolgente, e fitto di domande che faticheranno a trovare la loro risposta.

4 ★ su 5


SIETE CURIOSI DI SAPERE DI PIU' SU QUESTO THRILLER RICCO DI COLPI DI SCENA?
ALLORA NON PERDETEVI LE TAPPE DI QUESTO REVIEW PARTY!
SIETE TUTTI INVITATI!


1 commento:

  1. Non ho amato molto la storia d'amore e come comincia. Non ha molto senso.

    RispondiElimina