lunedì 3 aprile 2017

Recensione "E finalmente ti dirò addio", by Lauren Oliver


Titolo: E finalmente ti dirò addio
Titolo originale: Before I fall
Autore: Lauren Oliver
Editore: Piemme
Prezzo: 13,50 
Pagine: 430 
Trama:
Samantha Kingston ha tutto quello che un'adolescente potrebbe desiderare: il ragazzo più bello della scuola, tre amiche fantastiche, un'incredibile popolarità. Quel venerdì 12 febbraio si preannuncia come un altro giorno perfetto nella sua meravigliosa vita. Invece non andrà così, perché quella sera Sam morirà. Tornando con le sue amiche in macchina da una festa avrà un incidente. La mattina seguente, però, la ragazza si risveglia misteriosamente nel suo letto ed è ancora il 12 febbraio. Sospesa fra la vita e la morte, Sam continua a rivivere quella sua ultima giornata. Ogni volta si comporterà in modo diverso, cercando disperatamente di evitare l'incidente che la farà morire. Ma riuscirà a uscire da quell'incubo solo quando capirà che non è per salvare se stessa che continua a tornare.



Ciao amici dell'etere, oggi sono qui per parlarvi di un libro che nonostante sia uscito qualche anno fa io ho avuto modo di leggere solo da poco: E FINALMENTE TI DIRO' ADDIO di Lauren Oliver, autrice di Delirium e seguiti. Ho deciso di parlarne anche e soprattutto perchè è da poco uscito in America il film tratto da questo, a parer mio, bellissimo romanzo.
E' la prima volta che leggo un'opera della sopracitata autrice e non ne sono rimasta per niente delusa, anzi...



Mi sono trovata davanti alla struggente storia della bellissima e popolare Sam, che una sera dopo una festa come tante ha un incidente in cui muore. 
E vi chiederete, si ma se sappiamo già che muore, perchè dovremmo leggerlo? E qui casca l'asino infatti, il giorno dopo essere morta Sam si risveglia nel suo letto perfettamente in salute ma allo stesso tempo perfettamente memore della serata precedente. 
La storia si divide in sette capitoli, ovvero i sette giorni in cui Sam si trova a vivere la stessa giornata da capo: il giorno dei cupidi. Sam perderà il controllo sulla sua esistenza perchè una forza più potente la spinge a ricominciare sempre la sua ultima giornata di vita, dandole la possibilità di cambiare le carte in tavola. 



“Ecco un'altra cosa da ricordare: la speranza ti tiene viva. 
Anche quando sei morta, è l'unica cosa che ti tiene viva.”


I sette giorni di Cupido di Sam la cambieranno profondamente, facendola diventare una ragazza totalmente diversa e le faranno apprezzare amicizie inaspettate, la faranno avvicinare alla sua famiglia che pensava di aver perso in qualche modo...ed ovviamente le faranno vivere un amore vero, travolgente ed impensabile.

Sarò onesta, non sono stata trascinata sin da subito nelle pieghe di questo libro poichè all'inizio Sam non sapeva che per salvare la sua vita avrebbe dovuto riconcigliare la sua parte "stronza" e di facciata con quella che aveva ormai relegato nei meandri del suo cuore e, quindi, la storia mi sembrava emotivamente poco coinvolgente.
Quando Sam inizia a dare una svolta alla sua vita nel tentativo di salvarsi inizia a mettere in moto meccanismi che la cambieranno radicalmente sicuramente anche io mi sono sentita risucchiare dalla storia e dai tentativi disperati di Sam di cambiare il suo destino.


Forse dirsi addio è sempre così: come tuffarsi da uno scoglio. La parte peggiore del decidere. Una volta che sei in aria non puoi fare altro che lasciarti andare.


E' una sorta di viaggio introspettivo dentro ognuno di noi, ci pone di fronte all'urgenza di capire cosa possiamo fare realmente per cambiare noi stessi e la vita di coloro che ci circondano e ci amano. 
E' un romanzo toccante che non perde però la sua freschezza e semplicità, date sicuramente da una scrittura stilisticamente fluida e ricca.
Mi piacerebbe parlare anche degli altri personaggi e in particolare di Kent, ma decido volontariamente di non farlo perchè questo è il viaggio di Sam attraverso quella che era e quella che invece riesce a diventare; posso dirvi che sicuramente alcuni personaggi aiutano la nostra protagonista a prendere coscienza di tutto quello che dovrebbe cambiare ed indubbiamente questo è utile, ma la verità è che Sam siamo noi, e siamo i soli degni di nota nel viaggio verso il miglioramento: dobbiamo tutti porci delle domande in merito a quello che possiamo essere, quello che vogliamo diventare e quello che possiamo cambiare per non sprecare la nostra vita.
Che posso dire di più? Il libro secondo me è scritto molto bene, l'autrice ci fa amare un personaggio che all'inizio vorremmo prendere a schiaffi; la storia è dolce e delicata ma allo stesso tempo è profonda, intima, appassionata e appassionante ma più di tutto potente.


"Perché in quel momento ho capito che il tempo non conta. Che certi istanti durano per sempre. Anche quando finiscono, anche dopo che sei morta e sepolta, quei momenti perdurano, vanno avanti e indietro, all'infinito. Sono tutto, ovunque, tutti insieme."



Enjoy,
Chiara ❤

10 commenti:

  1. No, Chiara, no. Non puoi farmi questo, adesso me lo devo leggere assolutamente. Ti ano e ti odio. Comunque, bellissima recensione.
    “Ecco un'altra cosa da ricordare: la speranza ti tiene viva.
    Anche quando sei morta, è l'unica cosa che ti tiene viva.”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entra anche tu nel club "cuori di panna"... ci sciogliamo come niente!

      Elimina
  2. Wow sono troppo curiosa di come finirà. Avevo letto un libro simile "7. Il numero maledetto" l'hai mai letto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si! L'avevo letto una vita fa ma, questo è tremila volte più bello !

      Elimina
  3. Bellissimo questo libro, aspetto la ristampa con ansia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di sostituire la mia copia vecchia !

      Elimina
  4. Oh no! Lo ristampano per il film? Quindi millemila euro? Ok, lo comprerò lo stesso. Colpa tua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero in una ristampa esteticamente parlando... questa copertina, per un libro che trovo così bello, mi pare troppo "vuota"!

      Elimina
  5. Fin dall'inizio mi hai convinta... Ma qui

    "[...] Sam siamo noi, e siamo i soli degni di nota nel viaggio verso il miglioramento: dobbiamo tutti porci delle domande in merito a quello che possiamo essere, quello che vogliamo diventare e quello che possiamo cambiare per non sprecare la nostra vita. [...]"

    mi hai fatta capitolare! Bellissima recensione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, felice che ti sia piaciuta! Questo libro mi ha molto colpita !

      Elimina