venerdì 14 gennaio 2022

REVIEW PARTY "Le verità di Miracle Creek" di Angie Kim {MONDADORI}

Ed eccoci ancora qui amici dei libri, stamattina doppia recensione... 


Titolo: Le verità di Miracle Creek

Autore: Angie Kim

Editore: Mondadori 

Pagine: 384

Prezzo: 20,00€

Data di pubblicazione : 11 Gennaio 2022

Pak e Young Yoo, immigrati dalla Corea del Sud, non desiderano altro che un futuro migliore per la figlia adolescente, Mary. Insieme gestiscono una camera iperbarica, avanguardia sperimentale per la cura di alcune patologie, tra cui l'autismo e l'infertilità, e a Miracle Creek, piccola cittadina della Virginia in cui vivono, sono un faro di speranza per molte famiglie. La sera di un martedì di agosto, però, il macchinario esplode causando la morte di due persone. Sin dai primi sopralluoghi è chiaro che non si tratta di un incidente ma di un atto intenzionale. Chi ha appiccato l'incendio? La madre di uno dei piccoli pazienti, che, dopo aver detto di non sentirsi bene, è stata vista fumare al torrente? O gli stessi coniugi Yoo, decisi a incassare una grossa somma dall'assicurazione? O una delle manifestanti, secondo cui l'utilizzo della camera iperbarica è estremamente pericoloso? Miracle Creek è sconvolta. Il processo dura quattro interminabili giorni e porta alla sbarra cinque famiglie, mettendo a nudo le fragilità degli imputati, dell'accusa e dei testimoni. In un effetto domino di segreti e disvelamenti, l'eccellente scrittura di Angie Kim ci restituisce la complessità dei rapporti umani, tra il desiderio di protezione dei propri cari e la voglia di giustizia. Vincitore del Premio Edgar 2020 per il miglior esordio, Le verità di Miracle Creek mostra quanto sia sottile la linea che separa la verità dalla menzogna, investendo i lettori di un compito non facile: decidere dove tracciare il confine.


 

La storia si apre con un terribile incidente: al momento dell'esplosione della Camera iperbarica "miracolosa" dei coniugi Yoo ci sono diverse persone, alcune delle quali muoiono in questa catastrofe. 

I dubbi sin dall'inizio sono molti e poco dopo è già facile capire che non è stato un incidente, ma che qualcuno ha, volontariamente, dato fuoco alla struttura, costruita tempo fa dai coniugi Yoo per curare, attraverso una serie di terapie alternative alcune patologie, come l'infertilità o l'autismo. 

Dopo un anno circa si apre il processo nel quale si cerca di fare chiarezza e dove vengono portati alla sbarra diversi imputati, tra i quali, la madre di una delle vittime, avvistata poco prima dello scoppio con una sigaretta in bocca. 

Gli occhi però non sono puntati solo su di lei, infatti, ci sono molti punti oscuri e molte lacune nella storia che vengono sviscerati nei quattro giorni del processo; le domande sono tante e si susseguono i sospetti, potrebbero essere stati i signori Yoo nel tentativo di recuperare una grossa somma dall'assicurazione, oppure i manifestanti che si sono sempre opposti alla medicina alternativa che si praticava li, oppure la moglie tradita di una delle vittime? 


Le risposte che emergono sono tutto fuorché scontate, soprattutto grazie al talento della Kim di creare i personaggi e renderli tutti, in egual maniera, un po' oscuri, facili da sospettare e al contempo facili da capire ed apprezzare. 

Il suo talento emerge soprattutto perché, avendo L'autrice regalato la parola a diversi personaggi della storia, la testa del lettore gira e vortica senza meta, poiché dopo ogni capitolo il suo sguardo indagatore è puntato su un personaggio differente, fino alla fine, fino alle ultime pagine non è possibile davvero comprendere chi è il colpevole di questo atto terribile. 

Inutile dire che la fine mi ha stupito e ha chiuso perfettamente un cerchio di domande e bugie, su cui si regge l'intera storia, regalandoci un finale dal gusto amaro ed, al contempo, perfettamente plausibile e reale. 

 



BLOGTOUR "L'anno dei nuovi inizi" di Bea Buozzi

Buongiorno amici dei libri, buon venerdì...



Titolo: L'anno dei nuovi inizi
Autore: Bea Buozzi
Editore: Morellini Editore
Pagine: 280
Prezzo: 16,90€

Cosa accade quando una comitiva di amici si incontra la notte di San Silvestro per fare il bilancio dell'anno prossimo alla chiusura? È quello che succede ai protagonisti di questa storia. Il futuro non sappiamo cosa riservi ma anche quando sembra che sia il buio a prendere il sopravvento, poi qualcosa di meraviglioso accade. Entrerete negli appartamenti e nei diari dei personaggi che hanno vissuto in presa diretta giorni di ritrovata libertà. Sullo sfondo di una nazione che rinasce tra cinema e teatri, olimpiadi, musica e gossip. Dopo essersi abbracciati nella lontananza, imparando che una videochiamata accorcia le distanze si daranno appuntamento per un finale che è un inizio. Perché la vita trova sempre la strada giusta. Un romanzo corale di resilienza e speranza, ambientato in una Milano da scoprire fatta di scorci e di storie da raccontare.




Bea Buozzi ha uno stile inconfondibile, che abbiamo già imparato ad apprezzare in passato, con altri suoi romanzi e che questa volta ci stupisce ancora: pulito, diretto, divertente, pungente ma con l'intento di toccarci dentro, di toccare direttamente il cuore di tutti i lettori, perchè questa è una storia che coinvolge tutti, nessuno escluso, perchè la pandemia ci ha colpito tutti e ci ha travolti come uno tsunami.
Questa è la storia di Palazzo Ranieri e dei suoi abitanti che, attraverso le loro voci danno vita ad un romanzo corale che ripercorre l'ultimo anno appena vissuto, con
l'Italia divisa in colori, con gli abbracci negati ai parenti, i cenoni di Natale e Capodanno aboliti.
Palazzo Ranieri è una fucina di personaggi incredibili: Bea, protagonista assoluta, Sofia la sua amica dalle mille sfaccettature, Regina e Diana scalpitanti abitanti del palazzo che sognano la libertà e molti altri, che bazzicano in quegli appartamenti; essi sono stati creati e caratterizzati in maniera complessa dall'autrice che, nonostante abbia scelto di creare molti personaggi, è riuscita a non perderne nessuno per strada e a dotare tutti di una caratterizzazione completa: questo credo che sia uno dei grandi pregi di questo romanzo corale, le voci di tutti trovano un loro posto nella storia, nessuno viene dimenticato, nessuno viene perso.

Altro grande elemento positivo della storia è la rilevanza data alle relazioni, alle amicizie, ai cambiamenti che hanno subito i rapporti umani durante tutta questa pandemia, ricordandoci quanto essi possano davvero condizionare la nostra vita.
Le amicizie raccontate da Bea Buozzi sono pure, semplici, naturali; le amicizie ed i rapporti si sono modificati attraverso la pandemia, ma questo non ha impedito all'autrice di donare loro estrema importanza e carattere.
Attraverso di esse il lettore rivive l'ultimo anno della sua vita, le differenze tra quello che era "prima", le emozioni modificate di oggi, le speranze volte al domani; Bea, Sofia e tutti gli altri si fanno portavoce di tutti noi, del tempo che sembra essersi bloccato, delle vite spezzate, della paura, della speranza e della rinascita.
Un elemento che davvero mi ha affascinato è stato ritrovare alcuni personaggi di Love Trotter, precedente romanzo dell'autrice: Diana e Regina, infatti, le abbiamo conosciute benissimo in precedenza e come prima le ho apprezzate moltissimo, soprattutto perchè le due storie si fondono in maniera perfetta, creando una sorta di "cross over" e rendendo l'esperienza di lettura quasi magica. 
Un libro che racconta la speranza, l'amicizia, l'amore, la paura e la voglia di rimettersi in piedi!





martedì 11 gennaio 2022

REVIEW PARTY "Perchè il Re degli Elfi odiava le storia" di Holly Black

 Buonasera amici dei libri, scusate l'ora, ma oggi sono stata a fare la terza dose del vaccino e mi ha portato via un po' di tempo, ma ora sono qui per rimediare e parlarvi di...


Titolo: Perchè il Re degli Elfi odiava le storia
Autore: Holly Black 
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy
Pagine: 192
Prezzo: 18,00€
Data di uscita: 11 Gennaio 2022

Prima di essere un principe crudele o un re malvagio, Cardan è stato un bambino e poi un ragazzo con un cuore di pietra. Attraverso le pagine di questo libro si getterà luce sulla vita drammatica dell'enigmatico Sommo Re del Regno degli Elfi. Si ricorderanno momenti fondamentali della sua storia, che in certi casi suoneranno familiari ai lettori della trilogia "The Folk of the Air", raccontati tutti dal punto di vista di Cardan.

Ci sarà spazio per una storia d'amore che fa battere il cuore, per avventure spericolate, ma anche per lo humour, ingredienti di una saga che ha incantato i lettori di ogni dove. Ad arricchire il tutto, poi, le illustrazioni a colori di Rovina Cai, che rendono questo libro un oggetto prezioso da collezionare, che piacerà agli appassionati dei romanzi della serie, ma anche ai nuovi lettori.



Lo scorso anno, proprio in questi giorni, usciva il terzo ed ultimo volume della trilogia dark fantasy de "Il principe crudele" di Holly Black, regina incontrastata del genere, che poco dopo, ha deciso di regalarci un volume aggiuntivo, una sorta di "bonus track" tutto da scoprire ed amare, soprattutto visto che è un omaggio a Cardan, protagonista assoluto della storia, insieme a Jude.
Questo volume nasce per regalare ai lettori uno sguardo profondo sulla vita di Cardan, sui momenti e gli episodi che, nel tempo, lo hanno reso un principe crudele, un re malvagio, sommo Re degli Elfi e poi... semplicemente Cardan: 192 pagine non bastano per noi ammiratori della Black, ma ci regalano comunque una gioia immensa, soprattutto per la splendida corolla di illustrazioni di Rovina Cai che rendono questo volume davvero stupendo.
Lo sviluppo di Cardan è stato graduale e ben strutturato per tutta la trilogia: all'inizio, nel primo volume, possiamo scrutare ben poco sotto la sua corazza, si tiene in disparte, salvo poi esplodere nel secondo volume e trovare la sua vera dimensione nel terzo; questo volume aiuta Cardan a farsi conoscere, a far si che trovi davvero 
più spazio in cui esporsi, pur mantenendo una parte della sua anima avvolta nell'impenetrabile oscurità.


Questo volume, questa opera d'arte su carta, ci fa viaggiare freneticamente tra eventi della vita di Cardan, portandoci avanti ed indietro nella linea temporale, nel tentativo di ridimensionare il personaggio e rendere più chiaro ogni suo gesto, ogni elemento che lo ha caratterizzato per tutti e tre i volumi. 
I nostri occhi incontrano quelli di Cardan lungo questa serie di avvenimenti e il suo sguardo ci abbraccia sempre di più; più ci inoltriamo nelle avventure raccontate qui, più tutti i tasselli, che compongono il puzzle complesso che è Cardan, vanno al loro posto.
Come sempre la Black non si risparmia e ci imbocca col suo stile un po' particolare, 
essenziale ed oscuro ma tremendamente interessante, coinvolgente ed intrigante; l'autrice ha creato un'ambientazione misteriosa, fatata, oscura, profonda, capace di catalizzare l'attenzione del lettore senza però distrarlo dagli avvenimenti veloci e fluidi che coinvolgono, in questo caso, Cardan.
Una vera coccola per i fan!




venerdì 31 dicembre 2021

Evento "THIS IS YOUR YEAR - 2021"

 È l'ultimo giorno dell'anno e anche quest'anno, come lo scorso, ho deciso di partecipare volentieri all'evento di Susy de "I miei magici mondi" e Ely de "Il regno dei libri", per tirare le somme e decretare i tre migliori titoli letti durante questo anno, in cui avrei sicuramente voluto leggere di più, ma di cui comunque, tutto sommato, sono soddisfatta!


Se l'anno scorso è stato il primo di questa saga a finire in classifica, quest'anno, per mia gioia, ci finisce anche il secondo:


Titolo: Il Regno di Rame
Autore: S. A. Chakraborty  
Editore: Mondadori (Oscar Vault)
Serie: The Daevebad Series #2
Data pubblicazione: 2/3/21
Genere: Fantasy
Pagine: 650
Formato: digitale (euro 11,99) cartaceo (euro 24,00)

La vita di Nahri è cambiata per sempre nel momento in cui ha accidentalmente evocato Dara, un misterioso jinn. Fuggita dalla sua casa al Cairo, si è ritrovata nell'abbagliante corte reale di Daevabad, immersa nelle cupe conseguenze di una battaglia devastante, e lì ha scoperto di aver bisogno di tutto il suo istinto truffaldino per sopravvivere. Anche se accetta il suo ruolo ereditario, sa di essere intrappolata in una gabbia dorata, controllata da un sovrano che governa dal trono che una volta apparteneva alla sua famiglia: basterà un passo falso per far condannare la sua tribù. Nel frattempo, Ali è stato esiliato per aver osato sfidare suo padre. Braccato dagli assassini, è costretto a fare affidamento sui poteri spaventosi che gli hanno donato i marid. Così facendo, però, minaccia di portare alla luce un terribile segreto che la sua famiglia ha tenuto nascosto a lungo. Intanto, nel desolato nord, si sta sviluppando una minaccia invisibile. È una forza capace di portare una tempesta di fuoco proprio alle porte della città. Un potere che richiede l'intervento di un guerriero combattuto tra un feroce dovere a cui non potrà mai sottrarsi e una pace che teme di non meritare mai

Questo secondo volume sottolinea ancora di più la bellezza di questa serie: le parole scorrono sotto gli occhi incantati dei lettori, che non possono smettere di sfogliare le pagine convulsamente, affasciati dalla bellezza degli ambienti, dei luoghi, dai profumi che emergono dalle pagine, dal coraggio dei protagonisti e dall'oscurità che si scontra con l'incontrastata luce dei diversi personaggi, riccamente descritti.


Non ho dato cinque stelle a questo libro, ma, devo ammettere che va ad alimentare positivamente una delle mie saghe fantasy preferite, pertanto, credo sia quasi obbligatorio menzionarlo:


Titolo: La Corte di fiamme e argento
Autore: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Serie: A Court of Thorns and Roses #4
Data pubblicazione: 23/2/21
Genere: Fantasy, New Adult
Pagine: 720
Formato: digitale (euro 11,99) cartaceo (euro 22,00)

Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso tempo evidente la natura del focoso legame che, loro malgrado, li unisce. Nel frattempo, le quattro infide regine, che durante l'ultima guerra si erano rifugiate sul Continente, hanno siglato una nuova e pericolosa alleanza, una grave minaccia alla pace stabilita tra i regni. E la chiave per arrestare le loro mire potrebbe risiedere nella capacità di Cassian e Nesta di affrontare una volta per tutte il loro passato. Sullo sfondo di un mondo marchiato dalla guerra e afflitto dall'incertezza, i due Fae tenteranno di venire a patti con i loro personali mostri, con la certezza di trovare, l'uno nell'altra, quel qualcuno che li accetta così come sono e che li può aiutare a lenire tutte le ferite.

Lo stile della Maas, l'autrice, è, come sempre, straordinario e coinvolgente, non c'è niente da fare, ogni parola che esce dalla sua penna è pura magia: i personaggi sono tridimensionali, in grado di bucare la pagina e creati a regola d'arte, come le descrizioni dei luoghi ed il worldbuilding, che già mi avevano affascinata nel primo volume, e che mi avevano letteralmente lasciato a bocca aperta col secondo, e ho avuto come la sensazione di trovarmi esattamente affianco dei protagonisti in ogni scena, tanto vicina a tutti i protagonisti da sentire quasi il battito del cuore di Nesta.
L'autrice, come sempre, è stata capace di creare una storia avvincente, capace di catalizzare totalmente la mia attenzione. 


Inutile dire che, in questa classifica, non può assolutamente mancare una delle regine del fantasy:


La Catena di Ferro 
(The Last Hour #2)
di Cassandra Clare
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 624
Data di uscita: 27 Aprile 2021

La speranza è una prigione. La verità la chiave che la apre.

A osservarla da lontano, la vita di Cordelia Carstairs sembrerebbe perfetta. Che altro potrebbe desiderare infatti la giovane donna? È fidanzata con James Herondale, uno degli scapoli più ambiti di Londra, che oltretutto è proprio il ragazzo di cui da sempre è disperatamente innamorata. Ha iniziato una vita nuova ed eccitante a Londra, insieme alla sua migliore amica Lucie Herondale e agli affascinanti amici di James, gli Allegri Compagni. Per di più, sta per riunirsi con l'amato padre e ha con sé Cortana, la leggendaria spada che la sua famiglia si trasmette di generazione in generazione. Purtroppo, però, la realtà è ben diversa, e certo molto meno entusiasmante. Per prima cosa, il suo imminente matrimonio con James non è altro che una farsa, organizzato soltanto per salvare la reputazione di entrambi. James, poi, è innamorato della misteriosa Grace Blackthorn, sorella inconsolabile di Jesse, un ragazzo morto anni addietro a causa di un terribile incidente. Per non parlare di Cortana: ogni volta che cerca di utilizzarla, Cordelia si ritrova i palmi delle mani bruciati. Suo padre, inoltre, è molto diverso dall'uomo che conosceva, ora è molto più amareggiato e incattivito. Come se non bastasse, un assassino seriale sta prendendo di mira gli Shadowhunter di Londra. Complice l'oscurità, pugnala indisturbato le sue vittime e poi sparisce, senza lasciare traccia. Insieme agli Allegri Compagni, Cordelia, James e Lucie percorrono in lungo e in largo le strade più pericolose della città per seguire le orme dell'assassino. Ma i segreti che ciascuno custodisce gelosamente rischiano di vanificare tutti i loro sforzi...

Come sempre la nostra Cassandra Clare ha creato un tassello di storia ricca e complessa che si può inserire in maniera ottima all'interno dell'universo di Shadowhunters, lasciandoci scoprire in maniera più articolata e tridimensionale i nostri protagonisti, facendogli affondare le gambe in una nuova avventura, che si sta sviluppando sempre di più e che ci regala una serie intensa di colpi di scena eclatanti, oltre che facendosi conoscere sempre di più, con i loro pregi e con i loro difetti.
Un pregio di questa autrice è sicuramente lo studio e la ricerca che c'è dietro ad ogni capitolo di questa saga, che sottolineano come la Clare affronti, prima di buttarsi a capofitto nella storia, un'intensa analisi di tutto ciò che vuole che ci arrivi.
Lo stile come sempre si dimostra fluido, coinvolgente e caratterizzato da un enorme studio della storia e della sua narrazione, che rendono la Clare una delle autrici migliori nel suo genere: capace di non annoiare mai, nemmeno dopo molti libri incentrati sugli Shadowhunters ed il loro mondo.
Bello, come solo un'opera di Cassandra Clare può essere!


venerdì 24 dicembre 2021

EVENTO "My Bookish Christmas"

Buongiorno amici dei libri, buona Vigilia di Natale!

Quest'anno per me è un Natale un po' particolare e non ho molto desiderio di festeggiare, ma sono contenta di poter partecipare agli eventi organizzati da Ely de Il Regno dei Libri e Susy de I miei magici mondi: due colleghe blogger che sono sempre pronte a stupirci con le loro idee!

Quest'anno per natale hanno deciso di coinvolgere molte colleghe blogger affinché possano consigliarvi e proporvi le letture preferite a tema natale!


Come vi dicevo prima, quest'anno non mi sento proprio nel mood di festeggiare e quindi anche le mie letture dedicate al Natale sono state esigue, però ammetto di avere un bel rapporto con le raccolte di racconti di Natale ed anche quest'anno mi sono coccolata, tutti i giorni, con i racconti di un libro pubblicato da garzanti ad inizio mese!

Una vera coccola per chi come me ama coccolarsi ogni giorno con una storia differente! 


Titolo: Il grande piccolo libro di Natale

Autore: AA. VV.

Editore: Garzanti

Collana: Grandi piccoli libri

Pagine: 288

Data di pubblicazione: 2 dicembre 2021

Da Washington Irving a Nikolaj Gogol’, da Louisa May Alcott a Luigi Pirandello, fino a Irène Némirovsky: questo volume riunisce le voci di alcuni tra gli autori più amati in un’antologia di cinque storie straordinarie, tutte dedicate al Natale. In un viaggio intorno al mondo fatto di luci, meravigliosi addobbi e paesaggi innevati, questi racconti senza tempo sorprendono, divertono e commuovono. Perché a Natale, si sa, può accadere qualsiasi cosa: che qualcuno salga fino in cielo e rubi la luna, lasciando la terra nel buio più pesto; che due cuori generosi, con una slitta ricolma di doni e una tavola imbandita, facciano la gioia di tanti bambini; che un senso di pace e di incontenibile gioia si diffonda nell’animo di ciascuno, riportando per un attimo l’armonia tra gli uomini.


venerdì 17 dicembre 2021

REVIEW PARTY "Fidanzati per le feste" di Chiara Rametta & Francesca C. Cominelli

 Buongiorno amici dei libri, sto usando questo periodo per recuperare qualche lettura arretrata ma ho trovato, molto volentieri, il tempo di leggere una commedia romantica natalizia made in Italy! Pronti?




Titolo: Fidanzati per le feste
Autrici: Chiara Rametta & Francesca C. Cominelli
Editore: Self-publishing
Genere: Chick-lit
Data pubblicazione: 07 dicembre 2021
Pagine: 268
Prezzo: 0,99€

Lei una Louboutin, lui uno scarponcino di montagna.
Un ricatto di Natale, tre settimane esatte per salvare le feste e la sua sfarzosa vita. Questo è l’incubo nel quale si ritrova Paris, unica erede della famiglia Ramirez, proprietari della catena di concessionarie automobilistiche più lussuose di tutti gli Stati Uniti. Il giorno del ringraziamento suo padre decide di farle un “regalo” e tagliarle tutti fondi economici, eccetto il suo attico a Park Avenue. Paris deve entrare nel mondo degli adulti, trovare un lavoro vero e piantarla di fare la parassita mantenuta.
Ma lei ha già architettato un sotterfugio per rendere felici i suoi genitori: entro Natale troverà un fidanzato così da poter accedere al fondo fiduciario lasciato in eredità dal nonno e ottenere il suo milione di dollari.
I giorni passano, ma Paris non riesce a trovare l’uomo dei sogni, fino a quando la sua migliore amica le propone un’applicazione per incontrare il suo “fidanzato per le feste”. DICK OR SWITCH – TROVA UN PENE PER NATALE potrebbe essere la svolta che stava aspettando. Peccato, però, che i casting per trovare la sua dolce - finta - metà da presentare al cenone di Natale si stiano rivelando un vero e proprio disastro!
Farouk, di origine persiana, non potrebbe essere più diverso da lei: portinaio squattrinato, alla ricerca del sogno americano che pare una visione celestiale, impossibile da raggiungere. Si è trasferito in America per allontanarsi dall’ombra del padre e aprire un ristorante tutto suo. Purtroppo le cose non sono andate come sperava e adesso si ritrova ad aprire le porte ai ricconi di Park Avenue!
Come se non bastasse i suoi genitori gli danno un ultimatum sotto le feste: trovarsi una moglie o rimpatriare in Iran seduta stante. Farouk non ha intenzione di abbandonare il suo sogno, né tanto meno di sposarsi, così inizia anche per lui la missione salva-Natale.



Ammettiamolo... in questo periodo dell'anno le commedie natalizie, che siano su carta o su pellicola, ci aiutano a rendere il tutto più magico, sono ormai una tradizione ben radicata e tutti ed ammettiamolo, ci aiutano a sciogliere le tensioni dovute alla ricerca dei regali, all'organizzazione del pranzo con i parenti e alla fine dell'anno imminente!
Quest'anno Chiara Rametta e Francesca C. Cominelli ci hanno regalato una simpaticissima storia da leggere sotto l'albero!
Paris e Farouk sono i nostri due simpatici protagonisti: due opposti, letteralmente.
Lei, Paris, è la classica figlia di papà newyorkese, nata e cresciuta tra gli agi, data la ricchezza della sua famiglia, proprietaria di una delle compagnie più importanti della Nazione, mentre, lui, Farouk, mediorientale in America che cerca di raggiungere il suo personale sogno americano, anche se, per ora, con scarsi risultati.
Il loro incontro? Una serie di eventi li porta ad incontrarsi e scontrarsi: la famiglia di Paris, stufa della poca volontà della figlia di rimboccarsi le maniche e mettersi a lavorare le blocca i fondi, lasciandole a disposizione solo il suo appartamento. 
Per Paris è una vera e propria catastrofe! Come può sopravvivere senza i suoi preziosissimi soldi? Ma ecco che le viene un'idea geniale: trovare un fidanzato da presentare alla famiglia per poter poi sbloccare i soldi lasciatole dal nonno. 
Le viene in soccorso 
un'app, di quelle che servono per trovare partner di ogni sorta; ed è qui, che fa la sua comparsa Farouk, vittima anch'egli della famiglia che gli ha imposto un ultimatum: o trova una moglie e si sistema oppure sarà costretto a rientrare in patria.
Il Natale si avvicina ed il loro tempo si sta per esaurire... Cosa combineranno questi due insieme?


Ed eccoci qui a tirare le somme! Paris e Farouk danno origine ad una commedia divertente e scorrevole, la classica Chick lit natalizia che vi farà davvero passare qualche ora in splendida compagnia.
Paris è la classica ereditiera snob che pensa che tutto le sia dovuto e quando, per la prima volta in vita sua, le mancano i fondi le manca letteralmente la terra sotto i piedi. Mai avrebbe immaginato che una cosa del genere le sarebbe potuta accadere e non sa proprio come uscirne, finchè non decide di attuare un piano alternativo che, suo malgrado - o forse no -, coinvolge Farouk.
Il ragazzo è molto diverso da lei, con tanti sogni ma pochi spiccioli per realizzarli che sente addosso la pressione della sua famiglia che lo vorrebbe far tornare in terra natia.
Il loro incontro e ciò che ne consegue crea una commedia leggera e divertente, godibile e fatta di momenti davvero spensierati e sereni, nel tentativo di far decollare una storia che, apparentemente, fa acqua da tutte le parti.
Le due autrici hanno lavorato insieme per creare una storia capace di non farci annoiare e farci apprezzare nella totalità tutti gli elementi presentati; nota importante, inoltre, è il fatto che non si percepisca lo stacco tra lo stile delle due autrici, ma che, al contrario, siano state capaci di incanalare tutte le loro energie e le loro idee creando una storia lineare, scorrevole, pulita, ricca di momenti scherzosi ed ironici.
Ho trovato molto simpatico l'epilogo, che ci lascia la speranza di ritrovare ben presto i nostri due protagonisti, creati in una maniera tridimensionale e completa , alle prese con le loro nuove vite e, chissà, magari con altre feste!

Simpatico e scorrevole, fatevi un regalo per Natale!
Molto più che promosso!


lunedì 29 novembre 2021

REVIEW PARTY "Le guerriere dal sangue d'oro" di Namina Forna {MONDADORI}

 Buongiorno amici dei libri, buon lunedì!
Oggi per voi, qui sul blog, la recensione, in occasione del Review Party che lo vede come protagonista, di un romanzo fantasy che si occupa di una serie di tematiche molto serie e sempre più attuali... Curiosi?



Titolo: Le guerriere dal sangue d'oro
Autore: Namina Forna
Editore: Mondadori
Collana: Fantastica 
Genere: Fantasy
Pagine: 288
Prezzo: 18,90€
Data di uscita: 30 Novembre 2021

Deka conosce bene l'importanza del rituale della purezza. Sa che da esso dipenderà se potrà o meno diventare membro a tutti gli effetti del suo villaggio ed essere finalmente parte di qualcosa, proprio lei che si è sempre sentita diversa e fuori posto. Ma il giorno della cerimonia, il suo sangue si rivela d'oro, il colore della non purezza. Le conseguenze, Deka lo sa bene, potrebbero essere peggiori della morte. Per questo, quando una misteriosa donna va a trovarla nel luogo in cui è imprigionata e le propone di andarsene dal villaggio per entrare a far parte di un esercito composto da ragazze esattamente come lei, le alaki, non ha dubbi. Pur comprendendo i pericoli che la aspettano, Deka decide di abbandonare la vita che ha sempre conosciuto. Ma già nel viaggio che la conduce alla capitale del regno, e alla più grande battaglia della sua vita, scoprirà presto che la grande città serba molte sorprese. E che niente è davvero come sembra, nemmeno lei.




La ormai sedicenne Deka, vive ad Otera, un mondo basato totalmente sul patriarcato e sul valore degli uomini, e sta per sottoporsi al Rituale della Purezza: questo strano rito serve per dimostrare il valore delle donne, che attraverso il loro sangue devono dimostrare di essere pure ed idonee a vivere in questo antico regno.
E' il colore del sangue a sancire chi può vivere nel regno e chi, invece, deve essere eliminata: avere il sangue dorato comporta un terribile ed infausto destino... e quando Deka sanguina oro, l'impuro colore, il colore dei demoni, il suo destino è ormai segnato.
Ma qualcosa sembra cambiare quando, una misteriosa donna, si reca nella prigione di Deka, per liberarla e darle la possibilità di essere libera e di adempiere al suo destino, questo perchè la nostra giovane protagonista, come altre donne, è un'Alaki, immortale, con alcuni doni straordinari.
La donna misteriosa regala a Deka la possibilità di scegliere se essere libera e pronta a combattere con le altre Alaki per l'imperatore oppure lasciarsi trascinare nel buio dai suoi carnefici...


La nostra storia comincia con Deka che scopre, attraverso il rituale della purezza, scopre di essere diversa, di avere il sangue del "colore sbagliato", il sangue dorato dei demoni: la scoperta la sconvolge e la costringe a prendere una decisione che mai avrebbe immaginato.
Deka, all'inizio del suo viaggio straordinario, è una giovane ragazza costretta a spiegare la testa alle regole del patriarcato che imperversa nel regno in cui vive: è spaesata, spaventata, schiacciata dal peso degli uomini, soprattutto dopo aver scoperto di essere diversa.
Piano piano, però, dopo aver scelto di ribellarsi a questo sistema corrotto e patriarcale e di assumere il ruolo di Alaki che le compete, comincia ad avere consapevolezza del suo destino, della sua forza, dei preziosi e straordinari doni che la natura le ha regalato e questo la fa sentire sempre più forte, caparbia, resistente, resiliente, pronta a diventare la leva per cambiare il mondo in cui vive, costellato da patriarchi, maschilisti, uomini tronfi e pieni di se...
E' interessante vedere Deka che, come ogni donna, messa davanti alla realtà, riesca a capire quanto valga, quanto la sua figura non abbia bisogno di un uomo per brillare ed avere una sua identità.
In un mondo piagato come non mai da episodi di femminicidio un libro del genere, con un messaggio così importante, se sfruttato in maniera intelligente, può diventare un baluardo, che ci possa aiutare a modificare le cose, a non avere paura di essere donne.


Il romanzo e l'autrice, ovviamente, affrontano con estrema passione il tema del femminismo, della femminilità, della immotivata violenza verso le donne; nonostante questo tema focale e l'interessante sviluppo della storia non posso dire che sia perfetto, soprattutto essendo un libro di esordio, ma andiamo per gradi: l'ambientazione e il worldbuilding in generale, mi sono piaciuti, soprattutto perchè si percepisce che l'autrice vi è molto legata e ha coltivato su carta esperienze e luoghi che conosce benissimo, ma al contempo a sbilanciare un pochino il tutto è la mancanza, in alcuni momenti, di un'adatta azione, che avrebbe reso la storia ancora più dinamica e coinvolgente, ma anche la penuria di dettagli che sarebbero stati in grado di spiegare ancor meglio alcuni retroscena ed alcune dinamiche, anche se, fondamentalmente, la storia mi è piaciuta comunque, soprattutto per la scelta dell'autrice di dare valore alle donne, al fatto che ci si piò supportare pur arrivando la mondi diversi, da situazioni diverse, da storie diverse.
L'amore dell'autrice per il tema trattato è comunque assai evidente e sicuramente regala un valore aggiunto alla storia, rendendola capace di farsi apprezzare e trascinare il lettore tra le pagine, anche senza la perfezione assoluta della forma, come è successo a me, che ho letto questa storia con trasporto e curiosità, cercando di godermela a pieno e nella sua totalità, lasciandomi col forte desiderio di sapere cos'ha in testa la Forna per noi!